Tutto quello che c'è da sapere sulla cheratina

Publié le : 08/03/2017 14:17:59
Categorie : Lo sapevi che...?

I prodotti alla cheratina sono consigliati per migliorare un capello secco e sfibrato o danneggiato da trattamenti. La diminuzione di cheratina nel capello può essere dovuta a diversi fattori: l’esposizione a inquinanti atmosferici, carenze dietetiche, alcuni trattamenti come shampoo troppo aggressivi, permanente, colorazioni, piastra, alcuni farmaci, lo stress ecc. che possono portare a danneggiare la struttura cheratinica dei capelli.

Che cos’è

La cheratina è una proteina costituita da lunghe catene di amminoacidi. E’ una componente naturale della nostra pelle, dei nostri capelli e delle unghie di cui forma e regola la struttura.


A cosa serve?

La funzione della cheratina all’interno dei tessuti è fondamentale: serve a dare  corpo ed elasticità al capello, rendendolo forte e dall’aspetto lucido e nella pelle, in particolar modo, si combina con il collagene e ne aumenta l’elasticità.
Nel momento in cui la cheratina inizia a scarseggiare ecco che la fibra capillare appare debole e sfibrata, il capello opaco e senza tono.


I trattamenti

Sul mercato esistono vari prodotti o trattamenti alla cheratina. I trattamenti liscianti per capelli alla cheratina, oggi di gran moda, agiscono modificando la conformazione naturale della cheratina, agiscono cioè sui legami esistenti tra i filamenti di cheratina, i cosiddetti “ponti disolfuro”, la cui posizione determina la forma del capello e danno risultati che si protraggono fino a sei mesi.
Proposti dai saloni di bellezza o dai parrucchieri, si applicano ciocca per ciocca, si lasciano in posa per una ventina di minuti e poi si fissano con una piastra calda.

Secondo uno studio del Gruppo Italiano di Tricologia questi trattamenti liscianti alla cheratina presentano però dei rischi per la salute, perché spesso, soprattutto quelli provenienti da paesi Extra Europei, contengono un’alta percentuale di formaldeide, aldeide, formalina, metilen glicol, e altre sostanze  nocive, che causano irritazione alla cute, agli occhi, alle vie respiratorie, rischio di sensibilizzazione allergica da contatto, …
Inoltre anche se subito dopo il trattamento lisciante i capelli appaiono  morbidi e lisci, l’applicazione di formaldeide determina una rottura dei ponti chimici che legano le proteine dei capelli fra loro e a lungo termine il capello si rovina, divenendo più fragile e opaco.

La normativa europea al riguardo ammette la possibilità di utilizzare la formaldeide come conservante alla concentrazione massima dello 0,2%. Tuttavia, nel corso degli ultimi anni sono stati ritirati dal mercato europeo e italiano prodotti per la stiratura dei capelli che contenevano formaldeide in concentrazioni fino a 20-30 volte superiori la massima concentrazione consentita.

Se vogliamo migliorare in modo veramente naturale l’aspetto dei nostri capelli, partiamo innanzitutto da uno stile di vita e da un’ alimentazione più sani e iniziamo a fare attenzione all’uso dei prodotti cosmetici che utilizziamo.


La cheratina vegetale, spesso utilizzata nei cosmetici naturali e biologici, si compone di proteine idrolizzate a basso e medio peso molecolare, derivate da grano, riso, mais e soia. E’ utilizzata generalmente in prodotti destinati a essere risciacquati, cioè shampoo, balsamo.

Di facile e profondo assorbimento, favorisce un’azione di ricostruzione, come un “filler” che ricompatta la materia carente del capello, ricostituendone in maniera identica l'architettura cellulare. Possiede un buon effetto sostantivo sul capello e riduce il danno da permanenti e fissativi.  

Certo i prodotti a base di cheratina vegetale non possono promettere di lisciare i capelli, ma il loro uso nel tempo, soprattutto se combinato ad altri attivi naturali indicati, può aiutare a curare il capello danneggiato rendendolo più elastico e nutrito.

Condividi questo contenuto

Lascia un commento